botas ugg baratas DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Cultura a Lampugnano

ugg australia bailey button DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Cultura a Lampugnano

Datosi che quell’anno il comune offriva l’ingresso gratuito ai musei civici, Sinfronio port la sua figlioletta a passare un’afosa domenica milanese al Museo della Scienza e della Tecnologia (cannando di brutto poiché non rientrava fra quelli comunali, per cui i biglietti alla fine dovette pagarli). Parcheggiata l’auto a Lampugnano (introvabile un parcheggio in centro a Milano, nemmeno in agosto datosi che in vacanza non ci andava pi nessuno), l’attenzione della pargoletta fu presto attirata dai giacigli attigui la stazione della metropolitana. “Perché quei cartoni e quelle coperte?” chiese. Gi, perché. Come spiegare a una bambina di sette anni il motivo per cui persone in carne e ossa, non attori di un film, non protagonisti di cartoni animati, dormono all’addiaccio?

Gliss, e per cambiare discorso le indic un grosso polmone grigio e verde che nel corso del tempo aveva cambiato spesso nome a seconda dello sponsor. L intorno negli anni ’90 si organizzavano le feste provinciali de l’Unit, di Liberazione. Poi pare che l’area fosse diventata troppo costosa anche per i partiti, che erano finiti confinati al Carroponte di Sesto San Giovanni.

Ci andava spesso e volentieri a quelle feste, in luglio e settembre , perché nonostante l’elevata densit di zanzare per metro quadro le attrattive non mancavano.

Una sera per esempio ci fu un incontro dibattito letterario con quattro scrittori emergenti. Erano: Aldo Nove, Tiziano Scarpa, Giulio Mozzi e il quarto non se lo ricordava (aveva i capelli scuri, Ammaniti no, se lo sarebbe ricordato. Montanari? Genna? Culicchia? Boh). Questi scrittori tardarono un po’ rispetto all’orario pubblicizzato dell’evento, e il pubblico cominciava a spazientirsi; qualcuno si era allontanato, andandosene a zonzo per gli stand per ingannare l’attesa. Un volontario dell’organizzazione si premur di comunicare che stavano “finendo di mangiare” e quindi di “star tranquilli” che poi sarebbero finalmente arrivati. Infatti infine arrivarono, per mancava ancora il moderatore, che era pi in ritardo di loro. Nel frattempo questi scrittori cazzeggiavano fra di loro, tranne Mozzi che si era appartato mettendosi a sfogliare un libro. Il moderatore dopo mezz’ora arriv e li present come ‘giovani’ scrittori (suscitando le rimostranze di Mozzi che agitando quattro dita della mano faceva cenno che andava per i quaranta) e spiegando che la cosiddetta generazione ‘cannibale’ non era frutto di una furba operazione commerciale, ma bens il prodromo di una rinascita culturale italiana, o qualcosa del genere.

Nove prese la parola per criticare chi li criticava e li snobbava, diceva che non che solo chi legge la terza del pagina del Corriere un acculturato, ma ognuno ha diritto alla letteratura che “quella che ci salva”. Disse che era dai tempi di Tondelli che non c’erano delle cos belle novit e poi se la prese con una casa editrice marchigiana o di chiss dove che aveva pubblicato un tizio che scriveva quasi come lui, quindi quella non era certo una novit, ma qualcosa che c’era gi.

Il Museo della Scienza e della Tecnologia non era molto cambiato da quando Sinfronio ci era stato l’ultima volta, circa trent’anni prima. C’erano gli stessi treni, gli stessi aerei. La novit era costituita dal sottomarino Toti, che per non poterono visitare all’interno perché era gi “tutto esaurito”. In effetti c’era parecchia gente, benché a pagamento. Tutta gente che intendeva acculturarsi con la scusa dell’aria condizionata , attardandosi nella galleria dei progetti Leonardeschi, facendo la spola fra il pendolo di Foucault e le telecamere che avevano immortalato la prima puntata de “Il pranzo servito”, e insomma tutti si sentivano come a casa.

Scarpa fece praticamente del cabaret, parlava a ruota libera con la sua abile parlantina. Ci fu anche un accenno di supercazzola che sorprese il pubblico pi attento quando poco lontano scoppiarono dei mortaretti, insomma si vedeva che stava improvvisando, non come Nove che pareva il pi timido e si era preparato il suo discorso. Scarpa parl di Amore, cit Abelardo e Eloisa mentre quello che sembrava il suo agente guardava il pubblico di sottecchi, per vedere l’effetto che faceva quel favoloso eloquio; poi ammiccava complice sempre verso il pubblico come a dire ‘visto eh, che fenomeno!’

Datosi che era ancora pomeriggio presto, Sinfronio pens di proseguire la giornata al fresco, stavolta tassativamente gratis, al Museo di Storia Naturale. Cann ancora, poiché l’ingresso era s gratuito, ma l’impianto di climatizzazione era guasto, o forse proprio inesistente, e percorsero sudando e tossicchiando i polverosi corridoi senza finestre rimirando bestie imbalsamate e spaventosi dinosauri in plastica e vetroresina, seguendo l’intrigante mostra dell’evoluzione dall’homo habilis all’homo sapiens sapiens. Anche qui grande ressa di gente che si acculturava, famigliole con nonni al seguito, coppie assortite di giovani cubane con obesi italiani, ma l’affollamento degli ambienti non giovava alla respirazione, soprattutto di anziani e dei pi piccini. Pertanto decise di portare fuori sua figlia ai giochi del parco intitolato a Indro Montanelli, dove stavano giocando numerosissimi bambini, tutti extracomunitari.

Quando inizi a parlare Mozzi Sinfronio decise che ne aveva abbastanza, prese per mano la sua allora fidanzata e fece per andarsene, creando un minimo di trambusto poiché dovette alzarsi l’intera fila per farli passare. Nove li guard, non con aria di rimprovero ma piuttosto di ammirazione, probabilmente pensando “eh, se ne vanno cos presto chiss cosa vanno a fare”. Uscendo incrociarono un’altra coppia che conoscevano; stavano arrivando tutti trafelati chiedendo ” gia cominciato?”

“Veramente sta quasi finendo” rispose Sinfronio.

“Che peccato disse lei abbiamo fatto tardi perché vabbé, comunque adesso prima di andar via ce li fanno gli autografi sulle loro opere” indicando col mento i quattro libri che il suo lui teneva sotto il braccio. “Li fanno anche a voi se aspettate. Se glielo chiedete ve li fanno.” assicur lei.

“No grazie, andiamo.” disse Sinfronio.

La sera, al ritorno dai musei, usciti dalla metro di Lampugnano passarono di nuovo davanti alle dimore dei senza dimora. Per distrarre la figlia le chiese cosa le fosse piaciuto di pi di quella gita. Rispose: i giochi al parco. Poi cerc di spiegarle l’importanza della cultura nella vita: la cultura arricchisce tutti, porta progresso Disse che lui si ricordava di quando lo portavano ai musei da piccolino, eccetera. Tuttavia passando accanto ai diseredati che si apprestavano a passare la notte sistemando alla meglio cartoni e trapunte lerce, ammonticchiando gonfie buste di plastica ai piedi del loro letto, la bimba gli chiese a bruciapelo: “Pap, nella vita pi importante la cultura o i soldi?”
botas ugg baratas DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Cultura a Lampugnano