botas niña tipo ugg DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Il circolo vizioso

botas uggs baratas DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Il circolo vizioso

Prevedibile serata ieri alla taverna dei cattivi pacifisti, dove il noto tizio non ha nemmeno avuto bisogno di bere un cicchetto per esprimere un semplice concetto:

Penso che da cittadini occidentali dovremmo finirla di sostenere i nostri governi, non certo col voto, ma anche con il consenso di massima strappato sull’onda dell’emergenza allorquando ci vediamo ‘costretti’ a bombardare, con il generale americano Prosciutto (sembra di stare in Catch 22) che con involontario umorismo dichiara che si cercher di ridurre il numero di vittime civili. E’ ora di finirla di alimentare questo circolo vizioso; di sopportare questi governi che giocano all’apprendista stregone, alleandosi e allevandosi serpi in seno come Bin Laden, Saddam, Gheddafi per poi scaricarli e rinnegarli quando ne perdono il controllo.

Capirei se dicessero “scusate, abbiamo sbagliato ad appoggiare, finanziare, armare tiranni sanguinari per sostenere l’assurdo, grottesco, parossistico stile di vita occidentale. Adesso che la cacca uscita dal cavallo cerchiamo con ogni strumento che abbiamo a disposizione, compreso la forza, di rimetterla dentro. Ma appena rimediato ci leviamo di mezzo, talmente gravi sono stati i nostri errori strategici sotto il profilo politico, storico, umano.”

Tuttavia tutto ci non solo non sfiora le loro testoline, ma pretendono pure di rafforzare il loro potere chiedendo che venga loro riconosciuto il merito di aver domato l’incendio che essi stessi hanno appiccato (e manco ci riescono: vedi Iraq, Afghanistan).

Certo, non bisogna avere paura di sporcarsi la coscienza sostenendo il ricorso alla forza,
botas niña tipo ugg DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Il circolo vizioso
quando necessario. Tutto sta a vedere nei confronti di chi e perché, per che cosa.

In definitiva, ci troviamo di fronte a un circolo vizioso. E sapete dove conducono i circoli viziosi?

Quando ci si trova davanti a un circolo vizioso c’ solo una cosa da fare: interromperlo.

Coerenza, solidariet e autodeterminazione. Armi indicate, queste s, per una pace autentica. Non per una guerra camuffata.

Non bisogna essere navigati studiosi di geopolitica per comprendere il senso profondo di questa campagna occidentale in terra libica. Un mossa becera, che sentiamo lontana, oltraggiosa e sbagliata.

Proclamarsi per la pace rivoluzionario: le cosiddette opposizioni, invece, concordano con gli strateghi del piombo, facendosi testimonial delle bombe intelligenti e umanitarie. Un vero strazio.

Difendere l l del giudizio e l degli organismi internazionali dagli interessi dei soliti noti non della prima ora umanit, analisi dei fatti.

L che si respira e si fatica a digerire il risultato di decenni di propaganda, fatti di dittatori con la data di scadenza, torture ingombranti abilmente taciute, regimi foraggiati e poi scaricati, guerre spacciate per aiuti umanitari, sangue su sangue trasformato in funzionali relazioni internazionali.

Se Gheddafi, nel caso specifico, e lo un dittatore efferato, allora non andava finanziato. Chi l fatto Francia, Italia, Stati Uniti su tutti non ha la tranquillit e la credibilit necessarie per decretarne la fine.

E pensando ai morti di serie b tra cui i topi in gabbia della Striscia di Gaza che esprimiamo la nostra rabbia e il nostro profondo disprezzo verso chi all di Bush e Blair sventolava bandiere arcobaleno ed oggi prende la mira.
botas niña tipo ugg DISCUTIAMO INSIEME Blog Archive Il circolo vizioso